La NBA dice che gli arbitri hanno mancato tre falli in ritardo di Kevin Durant che difendeva LeBron James

Melek Ozcelik

Kevin Durant blocca il tiro di LeBron James lunedì a Oakland, in California. Martedì, la NBA ha annunciato che avrebbe dovuto essere chiamato fallo. I Warriors hanno vinto 99-92. | Tony Avelar/AP



Kevin Durant dei Warriors avrebbe dovuto essere fischiato per tre falli nell'ultimo 1:12 del quarto quarto della partita lunedì contro i Cavaliers, secondo il Last Two Minute Report dell'NBA pubblicato martedì. I Warriors hanno vinto 99-92.



Il rapporto afferma che Durant ha preso contatto con James che ha influito sul suo SQBR - Velocità, Rapidità, Equilibrio, Ritmo - con 1:12 rimasto. Durant ha anche commesso fallo su James con 27 secondi dalla fine e 25,6 secondi dalla fine, ma non è stato chiamato neanche per questo. Sul primo, Durant ha toccato l'avambraccio di James, intaccando il suo SQBR durante la sua spinta verso il canestro. Nel secondo, Durant ha toccato il braccio e il corpo di James, influenzando il suo colpo di guida.

'Mi ha fatto fallo due volte', ha detto James delle ultime due non chiamate. ''Ma comunque. Cosa hai intenzione di fare al riguardo?''



Durant lo scrollò di dosso.

'È troppo grande', ha detto Durant. ''È troppo grande per quello. Non è fallo.''

Anche James avrebbe dovuto essere chiamato per fallo, secondo il rapporto. A 33 secondi dalla fine, James ha afferrato il braccio e la maglia di Draymond Green per cercare di impedirgli di tirare giù un rimbalzo.



Par: