Scrutinio retrospettivo per gli elettori dell'Illinois: 13 candidati presidenziali da elencare - 9 in più rispetto a quelli ancora nel mix

Melek Ozcelik

L'ex sindaco di New York Michael Bloomberg è diventato l'ultimo a piegare la sua candidatura mercoledì e si dice che la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren stia rivalutando la sua corsa. Ma entrambi i nomi sono sui touch screen del voto anticipato e appariranno nelle votazioni del 17 marzo.



Prospettive presidenziali democratiche a febbraio.

Prospettive presidenziali democratiche, da sinistra a destra, l'imprenditore Andrew Yang, l'ex sindaco di South Bend, Indiana, Pete Buttigieg, il senatore del Vermont Bernie Sanders, l'ex vicepresidente Joe Biden, la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren, la senatrice del Minnesota Amy Klobuchar e l'attivista miliardario Tom Steyer arriva sul palco per l'ottavo dibattito sulle primarie democratiche il 7 febbraio 2020.



Joseph Prezioso / AFP via Getty Images

Gli elettori dell'Illinois dovranno ancora affrontare una scelta vertiginosa di 13 candidati presidenziali se scelgono di votare nelle primarie democratiche dello stato, anche se meno di una manciata è ancora in gara.

L'ex sindaco di New York Michael Bloomberg è diventato l'ultimo a piegare la sua candidatura mercoledì e si dice che la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren stia rivalutando la sua corsa.

Ma entrambi i nomi sono sui touch screen del voto anticipato e compariranno le votazioni del 17 marzo.



Con la polvere che si sta ancora depositando dal Super Tuesday, i candidati rimanenti hanno probabilmente altre preoccupazioni oltre a perdere alcuni voti di simpatia per i rivali usciti tra due settimane. Se Warren si ritirerà, il campo spetterà all'ex vicepresidente Joe Biden, al senatore del Vermont Bernie Sanders e alla deputata delle Hawaii Tulsi Gabbard.

Ma è troppo tardi per i funzionari elettorali dell'Illinois per rimuovere i nomi di Bloomberg, Warren, senatore del Minnesota Amy Klobuchar, ex governatore del Massachusetts Deval Patrick, sindaco di South Bend Pete Buttigieg, gestore di hedge fund Tom Steyer, imprenditore Andrew Yang, senatore del Colorado Michael Bennet o l'ex rappresentante statunitense del Maryland John Delaney. Verrà elencato anche il senatore del New Jersey Corey Booker, anche se si è ritirato più di sette settimane fa.

Il 2 gennaio il consiglio elettorale dell'Illinois ha tenuto una lotteria per le posizioni elettorali. Klobuchar, Patrick e Sanders hanno ottenuto i primi tre posti. Biden è indicato come il quarto candidato.



Sanders ha in programma un raduno a Chicago sabato e un altro a Rockford martedì. Biden sta pianificando una raccolta fondi per il 13 marzo a Chicago con Buttigieg.

Anche gli elettori di Arizona, Florida e Ohio voteranno il 17 marzo.

In Illinois, i candidati sono in lizza per 184 delegati.



Guida al voto elettorale 2020

Questo articolo fa parte della nostra guida al voto elettorale dell'Illinois 2020. Clicca qui per vedere di più.

L'Illinois ha più di 8 milioni di elettori registrati attivi. A partire da mercoledì, sono state inviate 179.826 schede elettorali per corrispondenza e 27.662 sono state restituite, ha affermato il Consiglio elettorale statale. Nelle primarie presidenziali del 2016, sono stati espressi per posta un totale di 119.340 voti.

Lo stato ha visto 68.412 voti espressi in anticipo, sebbene il numero non includa la contea di DuPage. Nel 2016 ci sono stati 520.000 voti anticipati.

A Chicago, secondo il Board of Election Commissioners della città, c'è stata una crescita monumentale nelle domande di voto per posta. Fino a domenica, ci sono state 63.000 domande rispetto alle 34.000 che hanno chiesto di votare per posta nelle primarie del 2016. Gli elettori hanno tempo fino al 12 marzo per richiedere un voto per corrispondenza.

I funzionari della Contea di Cook hanno affermato che le loro domande di voto per corrispondenza fino a lunedì sono state pari a 32.000.

Contribuendo: Rachel Hinton

Par: